REGIME FORFETARIO 2015: ANCHE ATTIVITA’ ESISTENTI POSSONO ENTRARCI

Una delle novità introdotte col regime forfetario 2015, è che anche attività esistenti possono rientrarci.

Questo è un vantaggio molto importante, poiché non da la possibilità di risparmiare solo a chi vuole aprire una nuova attività nel 2015, optando per questo regime invece di quello ordinario ( molto più oneroso), ma anche a chi già è in affari, e magari ha il regime ordinario.

Ovviamente anche chi ha come regime, quello dei minimi, o ex minimi, può optare per il nuovo regime fiscale forfetario 2015, ma la convenienza non sempre risulta esserci. Cosa contraria per chi invece si trova nel regime ordinario con Iva, Irpef etc.

Chi ha il regime ordinario, si può trovare ad avere un notevole risparmio ( dipende da caso a caso però è giusto dirlo).

In ogni caso chi ha già un’attività e vuole optare per il regime forfetario 2015, deve capire se ne possiede i requisiti giusti perchè è proprio così, ci sono pochi ma specifici parametri di valutazione che puoi vedere qui di seguito:

– nell’anno solare precedente alla richiesta di entrare nel nuovo regime non devi aver superato il limite reddituale imposto per lo specifico codice ateco che classifica l’attività esistente. Nel caso di attività di massaggio e di estetica, qualsiasi esse siano, il limite reddituale è fissato a 20.000 €

– non devi aver sostenuto spese per costo del lavoro (collaborazioni, assunzioni etc) che superino i 5000 euro nell’anno solare precedente alla richiesta

– non devi aver sostenuto spese nell’anno precedente, per l’acquisto di beni materiali aziendali, per un totale di oltre 20.000 €. Quindi non devi aver speso più di 20.000 € per l’acquisto di tutti quei prodotti e strumenti che servono per la tua attività professionale.

Se hai un’attività di massaggi ti basterà leggere quindi, i 3 requisiti sopra, per capire se puoi entrare nel regime forfetario 2015, uscendo dal regime ordinario. 

Grazie

Massaggi & lavoro

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. renata ha detto:

    quindi ,se ho capito bene ….anch’io che ho il codice 93041 posso passare ad un regime meno oneroso , senza iva e studi di settore ? grazie.

    • Massaggi e Lavoro ha detto:

      Si, se hai i 3 requisiti mostrati, col codice mostrato puoi assolutamente passare al regime forfetario 2015. Informati dal commercialista che già hai ok? P.s. il tuo limite di fatturato dell’anno precedente deve essere uguale o minore a 20.000 € capito? Grazie mille

      • marco ha detto:

        si ma il codice ateco x chi inizia un attivita nel campo dei massaggi e usa questo nuovo regime forfetaio ha un massimale di guadagno a 15.000 euro l anno…mentre prima col regime dei minimi era a 30.000!!!
        Ora vi chiedo…come si fa a vivere con 15.00′ euro (lordi) ????

        • Massaggi e Lavoro ha detto:

          ciao Marco, no il limite reddituale è di 20.000 €, però hai ragione sul fatto che prima era di 30.000 €. Anche 20.000 € in effetti sono poche! Va bene solo se si è liberi professionisti al minimo di spese, magari lavorando per più strutture, perchè già risulterebbe buono arrivare a 18.000-20.000 € ( di questi tempi). Grazie per il commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × due =