PUOI LAVORARE DA OPERATORE OLISTICO IN CASA SENZA PARTITA IVA? LA RISPOSTA DEFINITIVA ( E 2 SOLUZIONI)

In questo articolo scoprirai come lavorare in regola a casa con i trattamenti olistici e due soluzioni pratiche per agire immediatamente. 

E’ una delle domande più gettonate che ci arrivano da alcuni anni:

“posso lavorare in regola a casa mia/dove risiedo in affitto, svolgendo trattamenti olistici di esclusivo benessere ma senza aprire per forza la partita iva?”

Anche se molti commercialisti optano per il si, noi possiamo dirti che la risposta è NO. Ma SE QUESTA QUESTIONE TI RIGUARDA, non disperare! Alla fine dell’articolo trovi 2 soluzioni pratiche per risolvere comunque la questione.

Ora però soffermiamoci un attimo sul perchè non è possibile lavorare in questa maniera senza p.iva:

1) Saresti organizzato professionalmente: o che tu abbia già un lavoro o meno, allestire una stanza, far entrare clienti a casa tua e svolgere servizi in autonomia, implicano l’apertura di partita iva.

2) l’ assenza del vincolo della subordinazione; quindi lavori da solo e per te stesso, non per strutture già esistenti.

3)  la libera pattuizione del compenso: tu decidi il prezzo e lo fai pagare al cliente

4) l’assunzione a carico del lavoratore degli oneri relativi all’esecuzione della prestazione e del rischio inerente l’esecuzione medesima: tu stesso guadagni, hai i rischi per il lavoro che svolgi e sostieni le spese.

5) Requisiti burocratici ove richiesti: per lavorare a casa si deve sempre chiedere un parere al comune e questo implica sempre che devi lavorare da professionista con partita iva.

In sintesi svolgi lavoro professionale autonomo e hai l’obbligo di aprire partita iva….Se no rischi multe e anche grosse.

Ma ti abbiamo parlato anche di 2 soluzioni per superare questo ostacolo. D’altronde vista la risposta che ti abbiamo dato, è palese che devi trovare una soluzione alla domanda successiva: “e allora cosa faccio? Senza partita iva come posso lavorare? Oppure devo aprirla per forza?”

Ehy, prima di leggere le 2 soluzioni, sai che puoi immediatamente approfondire tutto questo con il nostro report in pdf gratuito sui 9 modi per lavorare in regola con i massaggi olistici? Clicca qui e scopri tutto..ATTENZIONE! Non chiudere questa pagina, così una volta preso l’ebook gratis, potrai continua a leggere l’articolo! Grazie

binderlayingopen_550x634

 

SOLUZIONE 1: APRIRE PARTITA IVA CON REGIME FORFETTARIO

Valuti quali sono i requisiti di accesso al regime forfettario prima di aprirla, così capisci se puoi avvalerti di questo regime super economico con le tasse ridotte al minimo. E’ opportuno valutare questa opzione se vuoi lavorare a casa con i trattamenti olistici manuali perché, sul pratico, di quello che fatturi (incassi) vai a pagare circa il 25% di tasse, che è veramente poco per come siamo messi in Italia. Il commercialista costa poco, lo vedi solo per dare lui le fatture di incasso (quelle di spesa neanche si conteggiano). Lui fa il totale e ti calcola tasse tramite compilazione e invio del modello unico. Più di 200 € l’anno non ti costa. Non hai bisogno di registri, tenute contabile iva o altro. Tutto molto snello e semplice e lavori in regola.

 

SOLUZIONE 2: LAVORI SENZA PARTITA IVA IN CENTRI/STRUTTURE BENESSERE O ASSOCIAZIONI SPORTIVE/ ESISTENTI

Non apri quindi la partita iva, e decidi di lavorare in strutture esistenti, dove su un trattamento, la struttura stessa percepisce il totale dal cliente, ti gira una percentuale e tu fai ricevuta quando incassi. La struttura trattiene e versa per tuo conto il 20% di tasse (ritenuta d’acconto). E con questo sistema fino a 5000 € annui e 30 giorni totali annui sei tranquillo e posticipi una eventuale apertura di p.iva o una eventuale assunzione che potrebbero farti.

Altre soluzioni non esistono e queste due sono le uniche e le migliori esistenti ad oggi.

Se vuoi scoprire più da vicino cosa significa aprire partita iva come operatore olistico professionista col regime forfettario, capire in anticipo se ci rientri e capire con esattezza l’importo delle tasse e i versamenti, il nostro corso digitale unico in Italia ti spiegherà tutto. Lo stesso per il lavoro autonomo occasionale: se vuoi capire come funziona, come devi comportarti fiscalmente con i titolari delle strutture senza problemi, il corso ti aiuterà spiegandoti tutto per filo e per segno.

Lo trovi qui: http://www.massaggielavoro.com/corso-massaggiatore-professionista/

paperbackstack_550x498

Grazie e speriamo di averti aiutato.

Massaggi & Lavoro

You may also like...

22 Responses

  1. Sonia ha detto:

    Ho letto piu volte diversi articoli,ma non mi è chiaro come devo fare per lavorare a casa ,mia visto che sto in affitto. .grazie

  2. Xena ha detto:

    Buongiorno.
    è possibile lavorare come operatore olistico con una partita iva nella mia casa, ma anche collaborare con alberghi, centri fitness come imprenditore indipendente.

    E più domande del genere, se posso lavorare contemporaneamente in due miei appartamenti in affitto, in città diverse o ci dovrebbe essere uno studio. Tuttavia, questo non è uno studio pubblico, ma uno privato.
    Grazie.

  3. Carmela Cozzolino ha detto:

    Buon Giorno io lavoro presso strutture senza superare i 5000 euro l’anno. Due domande. Non devo superare i 30 giorni nell’arco di un anno, o all’interno del medesimo centro pur non superando i 5000?
    Cioè se lavoro una volta al mese per centro e complessivamente non supero i 5000 sono in regola?
    Ci sono delle spese fisse mensili fra inps e Inail aprendo la partita Iva, l3 chiedo gentilmente a quanto ammontano?
    Il mio commercialista mi parlava di 600 circq possibile?

    • Massaggi e Lavoro ha detto:

      diciamo che non dovresti superare i 5000 euro totali e 2000 euro circa per singolo committente. Tassazione se apri p.iva? Stai intorno al 27% di tassazione sul fatturato dichiarato escluse spese e per aprire p.iva ti costa solo la parcella del commercialista che comunque diòazioni durante l’anno e ti costa circa 600 euro.

  4. Jeanne ha detto:

    Scusate, ma al di sotto dei 5000 euro si puo lavorare senza partita iva o sbaglio? Se si e’ all inizio…

  5. Daniela ha detto:

    Buongiorno! L’articolo è molto intetessante. Io lavoro già per una asd come insegnante di yoga. Mi è stato detto che per fare trattamenti olistici ho solo l’alternativa della partita iva altrimenti per lavorare presso un’associazione sportiva o olistica o culturale posso fare solo trattamenti a titolo gratuito. Leggendo questo articolo invece trovo un’opzione alla partita iva. Posdo chiedere un chiarimento? Posso quindi avere una retribuzione da parte dell’ associazione ed essere in regola ? Grazie per l’attenzione!

  6. luca ha detto:

    buongiorno, ottimo articolo, domanda: ho già un lavoro in un un’altro campo come dipendente indeterminato, qualora volessi essere in regola con i massaggi e magari P.I. regime forfettario quanto mi costa l’INPS in gestione separata? ho pochi clienti al mese, ciraca 5 e lavoro in casa ma vorrei propormi anche al di fuori e nei Week End. cosa mi consigli? ne vale la pena o ci vado solo a perdere?grazie e saluti

    • Massaggi e Lavoro ha detto:

      Ciao Luca, sono felice che l’articolo sia stato di tua utilità. Tu di inps, gestione separata pagherai il 24,72% invece che il 27,72%, in virtù del fatto che hai già un lavoro e ti versano dei contributi. in ogni caso col regime forfettario tu spenderai circa il 25% del fatturato in tasse. Fatti due conto e valuta. Se vuoi in alternativa puoi lavorare presso strutture esistenti senza p.iva e farti pagare con i voucher inps. Grazie

  7. Laura ha detto:

    Per lavorare in casa bisogna avere il luogo a norma? Grazie

    • Massaggi e Lavoro ha detto:

      La casa deve essere agibile, certamente. Grazie

      • LU ha detto:

        agibile cosa significa? Io ho un solo bagno e la camera “vuota” di mia figlia che ora non vive più con me, qualcuno dice che va bene, altri che devi avere due bagni, che la camera deve avere pareti lavabili e via dicendo, salvo mega appartamenti la vedo grigia se c’è questo obbligo. Però poi dicono che puoi andare a fare massaggi a domicilio, se è così mi viene da dire “che senso ha poter lavorare in casa da una persona non adeguatamente pulita, e in casa propria no?”
        Grazie per l’attenzione ed eventuali risposte.

        • Massaggi e Lavoro ha detto:

          ciao, agibile significa che impianti e struttura sono idonee ad abitarci e lavorarci quindi che sono sicure. Basta, altri vincoli come i bagni riguardano scia sanitaria e commerciale, cose che nell’ambito olistico non esistono tolti sporadici casi in cui operatori troppo accondiscendenti dicono “ok” senza controbattere. Grazie

  8. Rose ha detto:

    Più di 200 euro all’anno non mi costa? Il commercialista più economico che ho trovato me ne ha chiesti 600 (500+ iva). In pratica fra commercialista tasse e INPS pagavo poco meno del mio reddito annuale !

  9. Alessandro ha detto:

    Buona sera ottimo articolo ma se uno è già titolare di p.i. ma di un altro settore come può fare?

    • Massaggi e Lavoro ha detto:

      Dipende Alessandro: partita iva come libero professionista? Srl socio unico o ditta individuale? Varia da caso a casa, però considera che se vuoi svolgere attività di operatore olistico con partita iva (dalibero professionista) e hai già una ditta individuale con o senza iscrizione in camera di commercio dovrai per forza utilizzare quella e non un’altra p.iva (2 ditte individuale a proprio nome non esistono).Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 2 =